Unione Sindacale Italiana Poliziotti

Commissariato “Mecenate”, la legge 121/81 dimenticata!!!

 

Non era poi così difficile comprendere che nel Commissariato “Mecenate” fossero presenti dei problemi.

Anche a non voler dar peso alle segnalazioni di molti colleghi arrivate nelle “stanze segrete” di alcuni sindacati, bastava osservare con maggiore attenzione gli ultimi movimenti del personale e si sarebbe notato che alcuni operatori “storici” dello stesso Commissariato sono stati trasferiti acconsentendo le loro richieste.

Basterebbe analizzare quante domande di trasferimento in altri uffici siano presenti attualmente, per comprendere che “forse” qualcosa non va nel Commissariato “Mecenate”.

Malgrado ciò, ora sembra qualcosa si muovi, ma sorgono spontanee alcune domande e considerazioni.

Quelle Organizzazioni Sindacali che si muovono solo ora per difendere diversi propri iscritti, mentre prima pavidamente osservavano senza intervenire rispetto ad una complessiva e cattiva gestione del personale, come li vogliamo definire?

Una funzionaria che interpreta “curiosamente” il ruolo di vice dirigente e che deforma l’equilibrio di un Commissariato attraverso un mirato stravolgimento delle funzioni e delle gerarchie, come vogliamo definirla?

La stessa funzionaria che si permette di rispondere ai colleghi in modo inaccettabile ed arrogante, come fosse una novella “marchesa del grillo”, invitando gli stessi a non dibattere tutto ciò che dispone, come se la legge 121/81 dopo quasi quarant’anni fosse diventata carta straccia, come vogliamo intervenire?

Pensiamo sia sbagliato quando qualsiasi dirigente della Polizia di Stato, e per ovvie motivazioni, una volta raggiunto un nuovo incarico possa avere la possibilità di “portarsi” con sé dei collaboratori avuti in altri uffici, figuriamoci quando riesce a farlo una giovane funzionaria e che li utilizza successivamente da virgulti giannizzeri.

Invitiamo, a questo punto, i colleghi a seguire un altro ragionamento e con un approccio ben diverso rispetto a ciò che i sindacati e chi rappresenta l’Amministrazione ci hanno abituato.

I responsabili di questa situazione sono esclusivamente chi permette gli atteggiamenti, sinteticamente espressi prima e che ledono un’auspicabile buona gestione del personale.

In primis il Dirigente del Commissariato che ha permesso tutto ciò che è avvenuto e il Questore, che non poteva non sapere, e se per caso non sapeva, peggio ci sentiamo…

Il commissariato “Mecenate” è un ufficio di Polizia importante, poiché di “frontiera” nel tessuto cittadino di Milano e i cittadini della zona meritano poliziotti che operino con la tranquillità necessaria per raggiungere risultati di valore sociale nell’ambito della sicurezza urbana.

Pensiamo che gli stessi non saranno entusiasti se dovessero sapere ciò che accade nel Commissariato….

Scarica il PDF in Allegato