In data 8 gennaio u.s. si è tenuto il programmato incontro al Dipartimento della Pubblica Sicurezza sul tema della Riorganizzazione della P. S e l’istituzione dell’Ispettorato Scuole di Polizia.

Presenti per l’Amministrazione il Prefetto emerito Luigi Savina, il Direttore Centrale degli Istituti d’Istruzione dottoressa Maria Luisa Pellizzari, il Direttore del Servizio Corsi dottoressa Serafina Fascina, il dottor Massimo Ucci della Direzione Centrale delle Risorse Umane e la dottoressa Cristina Ermini dell’Ufficio Relazioni Sindacali.

L’Amministrazione ha illustrato il progetto di riorganizzazione del settore scuole alla luce della trasformazione della Direzione Centrale Istituti d’Istruzione in Ispettorato Scuole di Polizia, con conseguente ridefinizione dell’organigramma delle scuole su tutto il territorio nazionale.

Il progetto prevede un aumento di personale di tutti i ruoli a partire dall’istituendo Ispettorato Scuole fino a tutte le diramazioni sul territorio.

La delegazione sindacale pur cogliendo con favore l’aumento di personale, visto il lavoro che sottende a tutti i corsi previsti per il ripianamento degli organici in tutti i ruoli, ha stigmatizzato la trasformazione della Direzione Centrale in Ispettorato alle dipendenze della già ponderosa Direzione Centrale per le Risorse Umane, in quanto appare come un chiaro declassamento che può comportare una perdita di autonomia decisionale.

Tanto premesso nell’analisi generale della bozza presentata ci si è soffermati sulla situazione della Scuola di Caserta che subirà un ridimensionamento per ricettività rientrando nella fascia che prevede un numero inferiore a 400 allievi, con la ferma opposizione della nostra Federazione; mentre per altre realtà è previsto un aumento di ricettività anche superiore a 1000 allievi come per Nettuno ed Alessandria.

Si è analizzata anche la nuova figura del “ispettore tutor” chiamato a fungere da raccordo fra i corsisti ed il quadro permanente, nel numero di 1 ogni 90 frequentatori.

La Federazione Fsp confida nel recepimento delle osservazioni formulate al tavolo tecnico, che possano diventare parte integrante del progetto finale, realizzando così un’effettiva autonomia dell’istituendo Ispettorato, un reale aumento di personale di tutti i ruoli tutor compresi e una maggiore attenzione alla diramazioni sul territorio con particolare attenzione alla Scuola Allievi Agenti di Caserta, oltre ad un migliore raccordo con l'ufficio Concorsi in quanto, come si è detto, questi due Uffici, proprio in vista dei cadenzato concorsi e successivi corsi, dovranno lavorare in perfetta osmosi e non a compartimenti stagni che, diversamente, rischiano di creare un corto circuito nella macchina degli avanzamenti estremamente sentite da tanti colleghi.

Scarica il PDF in Allegato